Terapia

La terapia farmacologica dell’IPB è una terapia sintomatica, nel senso che non “cura” la malattia ma stabilizza i sintomi consentendo al paziente di poter avere una qualità di vita soddisfacente.

Il contenuto potrebbe essere non adatto a persone xxxxx

L’ indicazione a questo tipo di terapia si ha nei casi di ostruzione lieve-moderata e presenza di disturbi urinari.

Esistono diverse categorie farmacologiche utilizzate: alfa-litici, inibitori della 5-alfa-reduttasi.

I farmaci alfa-litici (tamsulosina, alfuzosina, doxazosina, terazosina, silodosina) posseggono una ottima efficacia sui disturbi urinari con una rapidità di azione che li rende i farmaci più prescritti per l’iperplasia prostatica. Possibili effetti collaterali di tali farmaci: ipotensione, eiaculazione retrograda.

Gli inibitori della 5-alfa-reduttasi (finasteride e dutasteride) agiscono in un periodo di tempo più prolungato (sono necessari almeno 4-6 mesi di terapia continuativa) determinando una riduzione del volume prostatico (circa il 20-25%) che si traduce spesso in un significativa riduzione dei disturbi urinari. Gli effetti collaterali sono per lo più a carico della sfera sessuale (diminuzione del desiderio sessuale).

La terapia combinata (alfa-litici + inibitori della 5-alfa-reduttasi) è indicata nei pazienti maggiormente a rischio di progressione di malattia (volume prostatico > 40 ml e psa >4 ng/ml) al fine di diminuire il rischio di complicanze legate all’ingrossamento della prostata (ritenzione urinaria acuta e necessità di interventi chirurgici )

In caso di fallimento della terapia medica, nel senso che non si ottengono i miglioramenti sintomatologici desiderati (miglioramento del getto urinario, diminuzione della frequenza minzionale notturna e diurna), viene indicata dallo specialista urologo la possibilità di effettuare un intervento chirurgico disostruttivo volto a rimuovere la componente di tessuto prostatico ostruente (adenoma prostatico) permettendo al paziente di recuperare un buon getto e di non affaticare ulteriormente la funzionalità vescicale.