Il mio medico curante mi ha prescritto di effettuare un controllo del PSA, che è risultato elevato. Cosa faccio?

 

Il PSA (antigene prostatico specifico) e’ un valore, dosabile con un banale prelievo di sangue associato a tutte le condizioni morbose a livello prostatico.

Il PSA può essere alterato in varie situazioni: Ipertrofia prostatica, prostatite e anche ovviamente il tumore della prostata. Il valore della prostata ha un range di “normalità” variabile, ma l’interpretazione di questo valore è fondamentale.

Si ritiene oggi che ogni uomo a partire dai 50 anni di età (dai 40 anni se esistono gia’ casi di tumore della prostata in famiglia) debba eseguire il test del PSA una volta all’anno. La normalità è tipicamente considerata al di sotto di 2.5 ng/ml.

Il PSA puo’ alzarsi oltre a questo limite per una infiammazione della prostata (prostatite), per un ingrossamento benigno (ipertrofia prostatica o adenoma prostatico) o per un tumore.

Se esiste un anche piccolo sospetto di tumore prostatico e’ necessario eseguire la biopsia prostatica, esame oggi del tutto indolore e che viene praticato in regime ambulatoriale. Tali decisioni devono essere prese da un urologo.

PER QUALUNQUE ULTERIORE INFORMAZIONE CLICCA QUI PER ESSERE RICONTATTATO
TELEFONICAMENTE

articoli correlati

Dal viagra alla protesi peniena: l’andrologia cambia volto

Sono ormai passati 25 anni da quando il Viagra ha rivoluzionato l’universo maschile, ma è arrivato il momento di guardare oltre. Certo, quando nel 1998 […]

Sesso virtuale tra i giovani: è allarme. Il parere dell’andrologo

C’è una correlazione tra sesso virtuale e impotenza? A quanto pare si. Ad affermarlo è la SIA (Società Italiana Andrologia), che ha portato a termine […]

Disfunzione erettile e attività fisica: ci possono essere davvero dei benefici? L’andrologo risponde

Disfunzione erettile e attività fisica: ci possono essere davvero dei benefici? Il movimento rappresenta davvero una concreta possibilità, per chi si trova in questa condizione? […]
chevron-downarrow-up