IPB e disuria ostruttiva: la terapia medica combinata

IPB e disuria ostruttiva: la terapia medica combinata. L’iperplasia prostatica benigna  è una condizione caratterizzata da un ingrossamento della prostata di natura benigna che può interessare fino all’80% degli uomini tra 60 e 80 anni.

IPB e disuria ostruttiva: la terapia medica combinata

Sintomatologia

I sintomi non sono dipendenti dalla grandezza della ghiandola,  anche una prostata di dimensioni di poco superiori alla norma può provocare disturbi urinari importanti.

I sintomi possono essere di tipo ostruttivo:

  • esitazione nel cominciare la minzione
  • intermittenza di emissione del flusso urinario
  • incompleto svuotamento della vescica
  • getto debole e sforzo nella minzione

Oppure irritativi:

  • minzioni frequenti/pollachiuria (andare spesso ad urinare)
  • alzarsi di notte per urinare/nicturia
  • urgenza minzionale/la necessità impellente di svuotare la vescica
  • bruciore a urinare.

L’aumento delle dimensioni della prostata è una patologia progressiva, che se non curata in tempo può causare oltra alla sintomatologia già citata anche gravi problemi all’apparato urinario in toto:

  • infezioni urinarie
  • formazioni di calcoli vescicali
  • ritenzione urinaria (blocco urinario)
  • scompenso vescicale con il rischio di cateterismo a permanenza
  • idronefrosi/insufficienza renale.

 Diagnosi

L’esame delle urine e il dosaggio dell’antigene prostatico specifico (PSA) sono esami necessari nel corso di una prima valutazione di un paziente con ipertrofia prostatica. Alla prima visita sarebbe bene anche l’esecuzione di una uroflussimetria completata dalla valutazione del residuo urinario post-minzionale, che consente una valutazione precisa di quello che è il mitto (getto urinario) e di tutte le sue caratteristiche

Da associare in alcuni casi anche ecografia dell’apparato urinario che consente di valutare e quantificare il residuo urinario post-minzionale, di accertare la presenza di una concomitante patologia vescicale:

  • diverticoli vescicali
  • calcolosi vescicale
  • neoformazioni vescicali

L’ecografia prostatica per via transrettale invece è da riservare non a tutti i pazienti, ma solo a quelli candidati ad intervento chirurgico per  valutare la volumetria prostatica.

Terapia

La terapia farmacologica dell’IPB è una terapia sintomatica, nel senso che non “cura” la malattia ma stabilizza i sintomi consentendo al paziente di poter avere una qualità di vita soddisfacente. L’ indicazione a questo tipo di terapia si ha nei casi di ostruzione lieve-moderata e presenza di disturbi urinari.

Esistono diverse categorie farmacologiche utilizzate: alfa-litici, inibitori della 5-alfa-reduttasi.

I farmaci alfa-litici (tamsulosina, alfuzosina, doxazosina, terazosina, silodosina) posseggono una ottima efficacia sui disturbi urinari con una rapidità di azione che li rende i farmaci più prescritti per l’iperplasia prostatica. Possibili effetti collaterali di tali farmaci: ipotensione, eiaculazione retrograda.

Gli inibitori della 5-alfa-reduttasi (finasteride e dutasteride) agiscono in un periodo di tempo più prolungato (sono necessari almeno 4-6 mesi di terapia continuativa) determinando una riduzione del volume prostatico (circa il 20-25%) che si traduce spesso in un significativa riduzione dei disturbi urinari. Gli effetti collaterali sono per lo più a carico della sfera sessuale (diminuzione del desiderio sessuale).

La terapia combinata (alfa-litici + inibitori della 5-alfa-reduttasi) è indicata nei pazienti maggiormente a rischio di progressione di malattia (volume prostatico > 40 ml e psa >4 ng/ml) al fine di diminuire il rischio di complicanze legate all’ingrossamento della prostata (ritenzione urinaria acuta e necessità di interventi chirurgici )

Ruolo del Prostalex (Cetra Italia s.r.l.) nella terapia dell’IPB

 

Associato alla terapia combinata di cui sopra, oggi grazie a nuove conoscenze in ambito clinico, il ricorso all’utilizzo anche di prodotti naturali, fitocomposti o meglio nutraceutici, per ridurre il corteo sintomatologico prostatico, è in netto aumento, non solo per le buone risposte che possono offrire ma anche per la sostanziale assenza di effetti collaterali indesiderati.


IPB e disuria ostruttiva


 

Tra questi fitocomposti tra i più studiati possiamo annoverare:

  • Serenoa Repens )frutti estratto secco tit. 30% in acidi grassi
  • Licopene o Lycopersicon esculentum (estratto dal pomodoro)
  • Boswellia Serrata (una varietà di incenso)

 

Questi agenti naturali, combinati insieme hanno dimostrato di possedere una forte attività anti-infiammatoria, anti-edema, anti-ossidante e anti-proliferativa sulla ghiandola prostatica, offrendo ottimi benefici in termini di confort e qualità di vita per i pazienti.

 

Quindi focalizzandoci sul trattamento dell’infiammazione della prostata associata all’aumento di volume della prostata stessa, il “Prostalex” deve essera parte integrante della terapia combinata dell’IPB grazie ai suoi effetti già citati, che associati all’assenza di effetti collaterali lo rendono ben tollerato e tollerabile anche per lunghi periodi.

PER QUALUNQUE ULTERIORE INFORMAZIONE CLICCA QUI PER ESSERE RICONTATTATO
TELEFONICAMENTE

A cura di @Emanuela Dentehttps://www.linkedin.com/in/emanuela-dente-9472b0141/

Seguici su Facebook https://www.facebook.com/Urologia-e-Andrologia-il-medico-risponde-101137355546739

articoli correlati

Quanti anni si vive dopo l’operazione alla prostata? – L’andrologo risponde

Quanti anni si vive dopo l’operazione alla prostata – In questo articolo vogliano rispondere ad una delle domande più frequenti che i pazienti, in sede […]

Chirurgia robotica del tumore della prostata e tumore del rene: l’intervento del Dott. Donato Dente a Medicina365

Il tumore maligno della prostata è uno dei più diffusi nei maschi e, stando ai dati più recenti, nel corso della propria vita un uomo […]

18° Congresso Nazionale UrOP: Il dott. Donato Dente moderatore della sessione relativa alla Protesi Peniena e alla Chirurgia rigenerativa della disfunzione erettile.

Dal 23 al 25 maggio si è svolto presso l’Auditorium Orfeo Tamburi di Ancona il 18° Congresso nazionale dell’UrOP. Il dott. Donato Dente, Responsabile U.O. […]
chevron-downarrow-up