Intervento di debridement del glande e ricostruzione del lembo libero autologo (split skingraft), utilizzato nel trattamento conservativo del carcinoma squamoso del pene. Il video dell’intervento premiato al congresso Nazionale UROP – Modena 11/13 Novembre

Il Dr Dente, ospite del congresso Nazionale UROP – Società degli Urologi dell’Ospedalità Privata, che si è tenuto a Modena dall’11 al 13 di novembre, in veste di opinion leader per la chirurgia ricostruttiva del tumore del pene, è stato premiato per il video dell’intervento di debridement del glande e ricostruzione del lembo libero autologo (split skingraft), utilizzato nel trattamento conservativo del carcinoma squamoso del pene.

L’intervento

Il Dr. Dente, esperto nella diagnosi e nel trattamento conservativo
del tumore del pene, ha presentato l’innovativa tecnica di ricostruzione con innesto autologo di cute. Questa tecnica, di cui il Dr. Dente è il massimo esperto in Italia, consente, nei casi di malattia maligna del glande non invasiva (carcinoma “IN SITU”, quindi non infiltrante la spongiosa del glande), di poter rimuovere la malattia e di ricostruire, attraverso il prelievo di un lembo libero di cute, il glande consentendo al
paziente di poter continuare ad avere una cosmesi accettabile del pene e di poter riprendere una normale attività sessuale libero da malattia.


Una tecnica innovativa

Prima dell’introduzione di questa tecnica, il tumore del pene rappresentava una malattia che rendeva necessaria una demolizione dell’organo genitale maschile parziale o totale andando drasticamente ad incidere sulla qualità della vita sessuale del paziente.

articoli correlati

Dal viagra alla protesi peniena: l’andrologia cambia volto

Sono ormai passati 25 anni da quando il Viagra ha rivoluzionato l’universo maschile, ma è arrivato il momento di guardare oltre. Certo, quando nel 1998 […]

Sesso virtuale tra i giovani: è allarme. Il parere dell’andrologo

C’è una correlazione tra sesso virtuale e impotenza? A quanto pare si. Ad affermarlo è la SIA (Società Italiana Andrologia), che ha portato a termine […]

Disfunzione erettile e attività fisica: ci possono essere davvero dei benefici? L’andrologo risponde

Disfunzione erettile e attività fisica: ci possono essere davvero dei benefici? Il movimento rappresenta davvero una concreta possibilità, per chi si trova in questa condizione? […]
chevron-downarrow-up