Tumore del pene, il killer silenzioso: tutto sull’intervento di ricostruzione risolutivo (e dove farlo)

Il tumore del pene è una malattia rara che colpisce con più frequenza uomini al di sopra dei 60 anni. Per quanto riguarda il nostro Paese, i dati parlano di 1-2 abitanti su 100.000. Solo in Piemonte, ad esempio, si stima che almeno 80 uomini, sia adulti che giovani, vengano operati in un anno per questa patologia, secondi i dati della Città della Salute di Torino.

Un’infezione da HPV (un virus legato ad altri tipi di tumore come quello della cervice uterina, della vulva, dell’ano, del cavo orale e della gola), una vita sessuale con molti partner, l’età precoce del primo rapporto sessuale e una storia di condilomi (creste di gallo): sono questi i maggiori fattori di rischio (fino a 5 volte maggiore), legati al tumore del pene.

Il tumore del pene è purtroppo una patologia molto aggressiva, sulla quale è possibile intervenire solo chirurgicamente, e soprattutto in maniera tempestiva. Nelle forme particolarmente invasive, è necessaria una chirurgia demolitiva particolarmente complessa, tuttavia esistono nuove tecniche chirurgiche mininvasive, per le forme superficiali, che consentono l’asportazione del tumore pur mantenendo una cosmesi adeguata e una forma del pene che consenta un’attività sessuale normale.

L’intervento

Si tratta di un intervento delicato e complesso, denominato linfoadenectomia inguinale robotica. Attualmente, in Italia, il Dott. Dente è uno dei due chirurghi a praticarlo, presso l’U.O. Urologia Robotica ed Endoscopica dell’ospedale “Pineta Grande Hospital” di Castel Volturno.

Si tratta di uno dei pochi centri in Italia ad eseguire l’intervento di linfoadenectomia inguinale robotica con ricostruzione tramite innesto

Fino a qualche anno fa l’unico trattamento era di tipo chirurgico demolitivo. Esso comprendeva l’amputazione dell’organo genitale maschile e dei linfonodi inguinali (sia superficiali che profondi), causando oltre che gravi mutilazioni, anche non poche complicanze derivanti dall’intervento chirurgico.

Oggi è possibile, sempre compatibilmente alla sicurezza oncologia del paziente, un trattamento di chirurgica mininvasiva e ricostruttiva che permette di poter rimuovere la malattia, consentendo al paziente una qualità della vita (anche sessuale) che in passato non riusciva ad avere.

articoli correlati

Rispondiamo ad alcune domande che molti pazienti si pongono, quando devono affrontare un problema di natura andrologica o urologica

Oggi rispondiamo ad alcune domande che molti pazienti si pongono, quando devono affrontare un problema di natura andrologica o urologica. Le paure sono molteplici, così […]

Qual è il migliore antinfiammatorio per la prostata? – La risposta dell’andrologo

Qual è il migliore antinfiammatorio per la prostata? – Con questo articolo vogliamo rispondere ad un’altra delle domande che i pazienti, in sede di visita, […]

Quanti anni si vive dopo l’operazione alla prostata? – L’andrologo risponde

Quanti anni si vive dopo l’operazione alla prostata – In questo articolo vogliamo rispondere ad una delle domande più frequenti che i pazienti, in sede […]
chevron-downarrow-up