Da anni soffro di impotenza, ma ormai i farmaci non fanno più niente

La disfunzione erettiva  può essere assolutamente ad andamento degenerativo nel tempo. La prima linea terapeutica sono i farmaci della classe farmacologica è inibitori delle PDE5 (per intenderci i vari Viagra, Cialis….) poi abbiamo una seconda linea di terapia che sono le iniezioni intracavernose (nel pene) di prostaglandine e infine, qualora tutto questo non fosse sufficiente è possibile posizionare una protesi peniena. È un intervento chirurgico che attraverso un piccolo taglio sullo scroto permette di posizionare un presidio che risolve il problema dell’impotenza consentendo di avere rapporti soddisfacenti, della durate che si desidera con conservazione di piacere e sensibilità.

articoli correlati

Dal viagra alla protesi peniena: l’andrologia cambia volto

Sono ormai passati 25 anni da quando il Viagra ha rivoluzionato l’universo maschile, ma è arrivato il momento di guardare oltre. Certo, quando nel 1998 […]

Sesso virtuale tra i giovani: è allarme. Il parere dell’andrologo

C’è una correlazione tra sesso virtuale e impotenza? A quanto pare si. Ad affermarlo è la SIA (Società Italiana Andrologia), che ha portato a termine […]

Disfunzione erettile e attività fisica: ci possono essere davvero dei benefici? L’andrologo risponde

Disfunzione erettile e attività fisica: ci possono essere davvero dei benefici? Il movimento rappresenta davvero una concreta possibilità, per chi si trova in questa condizione? […]
chevron-downarrow-up