Mio padre ha in tumore del pene, esistono trattamenti mininvasivi?

Il tumore del pene è purtroppo una patologia molto aggressiva che va curata chirurgicamente e soprattutto in maniera tempestiva. Nelle forme particolarmente aggressive è necessaria una chirurgia demolitiva e particolarmente complessa, tuttavia esistono nuove tecniche chirurgiche mininvasive, per le forme superficiali, che consentono l’asportazione del tumore pur mantenendo una cosmesi adeguata e una forma del pene che consenta un’attività sessuale normale.

articoli correlati

Quanti anni si vive dopo l’operazione alla prostata? – L’andrologo risponde

Quanti anni si vive dopo l’operazione alla prostata – In questo articolo vogliano rispondere ad una delle domande più frequenti che i pazienti, in sede […]

Chirurgia robotica del tumore della prostata e tumore del rene: l’intervento del Dott. Donato Dente a Medicina365

Il tumore maligno della prostata è uno dei più diffusi nei maschi e, stando ai dati più recenti, nel corso della propria vita un uomo […]

18° Congresso Nazionale UrOP: Il dott. Donato Dente moderatore della sessione relativa alla Protesi Peniena e alla Chirurgia rigenerativa della disfunzione erettile.

Dal 23 al 25 maggio si è svolto presso l’Auditorium Orfeo Tamburi di Ancona il 18° Congresso nazionale dell’UrOP. Il dott. Donato Dente, Responsabile U.O. […]
chevron-downarrow-up