Oggi parliamo di infertilità maschile: cause, terapie e interventi

Oggi parliamo di infertilità maschile, una condizione che può arrivare ad alterare pesantemente l’equilibrio della coppia, in particolare quando si è alla ricerca di un figlio, e la gravidanza non arriva.

Se non si riesce ad ottenere una gravidanza dopo oltre 1 anno di rapporti sessuali non protetti, è necessario rivolgersi allo specialista, per comprendere l’origine del problema.

Quali sono le cause dell’infertiltà maschile?

  • Infezioni o stati infiammatori delle vie seminali, che possono danneggiare gli spermatozoi, i canali seminali, la prostata e le vescicole seminali
  • Febbre: l’alterazione febbrile può interferire con la capacità riproduttiva dell’uomo fino a 180 giorni
  • Abiti troppo stretti, o composti da tessuti sintetici, possono aumentare la temperatura nell’area dei genitali e compromettere la fertilità.
  • Disfunzione erettile: da questa patologia dipende il 5% dei casi di infertilità
  • Stile di vita: fumo, sedentarietà, sovrappeso, obesità, cattiva alimentazione, assunzione di alcolici e droghe, possono contribuire a causare l’infertilità

Terapie chirurgiche

Esistono terapie chirurgiche che permettono il recupero di spermatozoi, vediamo quali sono:

In primis la cura della causa scatenante (vedi cause dell’infertilità), in caso di fallimento di questa prima linea terapeutica o non applicabilità della stessa esistono terapie chirurgiche che permettono il recupero di spermatozoi in caso di Azoospermie non ostruttive e la ricanalizzazione chirurgica in caso di Azoospermie Ostruttive

NON OSTRUTTIVE (Azoospermia, Teratozoospermia, Astenospermia, Oligospermia, Criptozoospermia)

Tecniche di recupero chirurgico degli spermatozoi

  • FNA (Fine Needle Aspiration)
  • PESA (Percutaneous Epididymal Sperm Aspiration)
  • TESE (TEsticular Sperm Extraction)
  • Micro-TESE (Micro-surgical TEsticular Sperm Extraction)

Queste tecniche consentono il possibile recupero e utilizzo a fresco o congelamento degli spermatozoi per effettuare la fecondazione assistita.

Questi interventi prevedono il prelievo di una piccola quantità di tessuto testicolare è una procedura che dura circa 30 minuti e si effettua in anestesia locale e in regime di day surgery.

OSTRUTTIVE (Epididimo 80%, Deferente 10%, Dotti eiaculatori 10%)

Tecniche di ricanalizzazione delle vie seminali

  • TURED (Trans Urethral Resection of Ejaculatory Ducts)
  • Vaso-Vasostomia (ricanalizzazione attraverso un intervento microchirurgico dei dotti deferenti bypassando il tratto ostruito
  • Vaso-Epididimostomia(Ricanalizzazione attraverso un intervento microchirurgico dei dotti deferenti con l’epididimo bypassando il tratto ostrutito; Questo intervento viene indicato quando l’ostruzione è tropo vicina all’epididimo.

Questi interventi sono sicuramente più complessi di un più semplice prelievo di tessuto testicolare, possono durare dai 60 ai 180 minuti e richiedono un periodo di degenza di circa 2 notti.

PER QUALUNQUE ULTERIORE INFORMAZIONE CLICCA QUI PER ESSERE RICONTATTATO
TELEFONICAMENTE

A cura di @Emanuela Dentehttps://www.linkedin.com/in/emanuela-dente-9472b0141/

Seguici su Facebook https://www.facebook.com/Urologia-e-Andrologia-il-medico-risponde-101137355546739

articoli correlati

Sesso virtuale tra i giovani: è allarme. Il parere dell’andrologo

C’è una correlazione tra sesso virtuale e impotenza? A quanto pare si. Ad affermarlo è la SIA (Società Italiana Andrologia), che ha portato a termine […]

Disfunzione erettile e attività fisica: ci possono essere davvero dei benefici? L’andrologo risponde

Disfunzione erettile e attività fisica: ci possono essere davvero dei benefici? Il movimento rappresenta davvero una concreta possibilità, per chi si trova in questa condizione? […]

Salute maschile: l’andrologo deve essere un riferimento, come il ginecologo per le donne

Lo specialista andrologo, per gli uomini, deve essere un punto di riferimento imprescindibile, proprio come il ginecologo per le donne. E’ fondamentale andare dallo specialista […]
chevron-downarrow-up