Eiaculazione precoce, un problema che è ancora un taboo: come guarire, attraverso un percorso psicologico e farmacologico

L’argomento di oggi è abbastanza “spinoso”: si tratta di un problema che coinvolge si gli uomini, ma che si ripercuote, inevitabilmente, nella vita di coppia. Parliamo dell’eiaculazione precoce.

Al momento, purtroppo, non esistono reali statistiche inerenti a questa problematica, perchè chi ne è affetto è estremamente restio a parlarne, anche con il medico.

L’eiaculazione precoce è una patologia che può avere origine fisica e psicologica: relativamente a quest’ultima, ci si trova di fronte all’insicurezza, a livello conscio e inconscio, di poter avere un rapporto sessuale soddisfacente, non solo per sè ma anche per la partner, e di non essere in grado di mantenere il “controllo” del proprio corpo.

UN PERCORSO DI GUARIGIONE E’ POSSIBILE? Si, senza dubbio. Il dott Donato Dente, esperto nella diagnosi e nel trattamento delle patologie legate all’apparato urinario e genitale maschile, in questo video, illustrerà quello che è il giusto approccio, sia emotivo che farmacologico.

IL VIDEO

PER QUALUNQUE ULTERIORE INFORMAZIONE CLICCA QUI PER ESSERE RICONTATTATO
TELEFONICAMENTE

A cura di @Emanuela Dentehttps://www.linkedin.com/in/emanuela-dente-9472b0141/

Seguici su Facebook https://www.facebook.com/Urologia-e-Andrologia-il-medico-risponde-101137355546739

articoli correlati

Dal viagra alla protesi peniena: l’andrologia cambia volto

Sono ormai passati 25 anni da quando il Viagra ha rivoluzionato l’universo maschile, ma è arrivato il momento di guardare oltre. Certo, quando nel 1998 […]

Sesso virtuale tra i giovani: è allarme. Il parere dell’andrologo

C’è una correlazione tra sesso virtuale e impotenza? A quanto pare si. Ad affermarlo è la SIA (Società Italiana Andrologia), che ha portato a termine […]

Disfunzione erettile e attività fisica: ci possono essere davvero dei benefici? L’andrologo risponde

Disfunzione erettile e attività fisica: ci possono essere davvero dei benefici? Il movimento rappresenta davvero una concreta possibilità, per chi si trova in questa condizione? […]
chevron-downarrow-up