Tumore del pene: sintomi, cause e diagnosi di una delle patologie più rare ed aggressive

Un’infezione da HPV (un virus legato ad altri tipi di tumore come quello della cervice uterina, della vulva, dell’ano, del cavo orale e della gola), una vita sessuale con molti partner, l’età precoce del primo rapporto sessuale e una storia di condilomi (creste di gallo): sono questi i maggiori fattori di rischio (fino a 5 volte maggiore), legati al tumore del pene.

Terapia

La terapia per questo tipo di malattia così aggressiva è chirurgica

Fino a qualche anno fa l’unico trattamento era di tipo chirurgico demolitivo. Esso comprendeva l’amputazione dell’organo genitale maschile e dei linfonodi inguinali superficiali e profondi causando oltre che gravi mutilazioni, anche non poche complicanze derivanti dall’intervento chirurgico.

Oggi è possibile, sempre compatibilmente alla sicurezza oncologia del paziente, un trattamento di chirurgica mininvasiva e ricostruttiva che permette di poter rimuovere la malattia, consentendo al paziente una qualità della vita (anche sessuale) che in passato non riusciva ad avere.

articoli correlati

Stenosi del collo vescicale: intervento innovativo, per la prima volta in Campania, presso l’ospedale Pineta Grande di Castel Volturno

Stenosi del collo vescicale: intervento innovativo, per la prima volta in Campania, presso l’ospedale Pineta Grande di Castel Volturno. Nei giorni scorsi l’equipe dell’Urologia Robotica […]

Come far regredire l’ipertrofia prostatica? – L’andrologo risponde

Continuiamo a parlare di quelle che sono le domande che vengono poste più spesso dai pazienti in sede di visita. Dopo aver spiegato quanto si […]
chevron-downarrow-up